A tre mesi di distanza

Se dovessi fare un bilancio a tre mesi dall’insediamento del nuovo governo, direi che il risultato è sostanzialmente negativo…non è esattamente questo ciò che mi aspettavo, quando il 9 aprile ho messo una croce sul simbolo dell’unione.

  • Non Mi aspettavo di vedere partire altri ragazzi verso un altro territorio martoriato dalle bombe, in realtà credevo che sarebbero tornati quelli che sono ancora in Iraq;
  • non mi aspettavo di vedere uscire di galera criminali di ogni genere, in realtà credevo che vi sarebbero entrati alcuni di quelli ancora in libertà;
  • non mi aspettavo che sarebbero state limitate le intercettazioni telefoniche, in realtà credevo che tramite le intercettazioni si sarebbe svelato qualche “inciucio” ancora sconosciuto;
  • non mi aspettavo che la legge Biagi avrebbe continuato ad umiliare migliaia di giovani e meno giovani, in realtà credevo che sarebbe stata rivista e migliorata…

L’elenco potrebbe continuare, ma credo che questo sia abbastanza per rendere l’idea…
Probabilmente se Prodi avesse detto prima del 9 aprile quello che avrebbe fatto nei primi tre mesi da Presidente del Consiglio…ora non sarebbe lì…e sinceramente credo che io non sarei andata a votare, visto che l’alternativa era peggio ancora…
Voglio sperare che si cambi rotta al più presto…lo spero per me, ma soprattutto per mio figlio e per tutti i bambini ed i ragazzi del nostro “sgangherato” paese…

Annunci

Un commento su “A tre mesi di distanza

I commenti sono chiusi.