Blog a impatto zero

co2neutralSul blog Sdreng ho scoperto un’iniziativa davvero lodevole lanciata da “Dove Conviene“, un sito che si occupa di distribuire in formato digitale i vari volantini di promozione e sconti di numerosissime aziende e di renderli disponibili online, in maniera gratuita e consultabili sia su pc che su smartphones iPhone e Android, attraverso una comoda applicazione.

L’iniziativa in questione si chiama “il mio blog è CO2 neutral” ed il suo funzionamento è molto semplice: il blogger dichiara la sua disponibilità ad abbattere l’impronta ecologica del proprio sito e DoveConviene.it, in collaborazione con iplantatree.org, provvederà a piantare un albero in zone soggette a processi di riforestazione.

Già questo è un modo efficace per ridurre lo spreco di carta in quanto vengono utilizzate 500.000 tonnellate di carta ogni anno solo per la la stampa di volantini e digitalizzarli può in parte ridurre questa enormità.

In questo periodo Dove Conviene, che collabora con iplantatree.org, desidera coinvolgere noi blogger,  e per ogni post pubblicato pianterà un nuovo albero.

Il Dr. Alexander Wissner-Gross, attivista ambientale e fisico di Harvard, afferma che un sito web produce una media di circa 0,02 g di CO2 per ogni visita.
Assumendo 15.000 pagine visite al mese, questo si traduce in 3,6 kg di CO2 l’anno. Questa produzione è legata soprattutto al funzionamento dei server.
La Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) calcola che un albero assorba ogni anno in media circa 10kg di CO2. Noi consideriamo prudentemente 5kg l’anno per ogni albero.

Credo che a noi costi poco e che il nostro pianeta non possa che averne beneficio, per cui il mio blog diventerà “carbon neutral” semplicemente grazie alla pubblicazione di questo post.

Spero che mi aiuterete a diffondere la notizia, e soprattutto che partecipiate in molti seguendo le istruzioni a quest’indirizzo.

Chi vuole approfondire nel dettaglio l’iniziativa può visitare il seguente indirizzo:
http://www.iplantatree.org/project/7

Enel premia i blogger

Se nei pacchetti di Natale non avete trovato quello che desideravate, ed il vostro desiderio era un I Pad 2 con Wi Fi 3G 32 Gb, non preoccupatevi: avete ancora una possibilità di venire accontentati.

Come? E’ molto semplice: basta partecipare al concorso indetto da Enel “Enel Blogger Award 2012“.

Lo scopo di questo concorso è quello di promuovere lo sviluppo della cultura e la crescita professionale nel settore multimediale.

Le iscrizioni sono incominciate da poco tempo e se vi sbrigate ( avete tempo fino al 17 gennaio) potrete partecipare anche voi, basta che siate maggiorenni, autori di un blog che tratti di ambientefinanzaattualità o lifestyle che sia attivo da almeno sei mesi e aggiornato almeno con un articolo alla settimana.

Per partecipare occorre registrarsi sul sito dell’iniziativa a questo indirizzo: http://www.enelbloggeraward.com/ compilando un form online dove il blogger interessato deve indicare quello che ritiene il suo post più rappresentativo e più bello della propria categoria di appartenenza.

Ovviamente la registrazione è gratuita e da diritto ad un kit promozionale composto da banner collegati direttamente alla propria pagina di votazione.

La fase della votazione durerà fino al 18 marzo e durante tutto il periodo sarà possibile consultare sul sito le varie classifiche.

Ogni primo classificato di categoria verrà premiato durante una cerimonia ufficiale, che si svolgerà nell’auditorium Enel, con un  iPad 3G, e avrà la possibilità di vedere pubblicato il proprio post sui vari siti istituzionali Enel.

Tentare non nuoce, quindi se credete di far parte del target indicato e avete voglia di provare a vincere iscrivetevi subito!

Intanto io vi segnalo i blog che mi piacerebbe si iscrivessero e che voterei volentieri:

Mi sembra di avervi detto tutto quello che c’è da sapere, ma se avessi dimenticato qualcosa potrete leggere ogni informazione sul regolamento del concorso QUI.

In bocca al lupo!

Articolo sponsorizzato

Wikipedia.it in sciopero

wikipediaChi, in queste ore, ha provato ad accedere alla pagina della famosissima enciclopedia libera Wikipedia ha trovato una brutta sorpresa: al posto della classica home page si è trovato di fronte un comunicato che comincia con queste parole:

“Cara lettrice, caro lettore, in queste ore Wikipedia in lingua italiana rischia di non poter più continuare a fornire quel servizio che nel corso degli anni ti è stato utile e che adesso, come al solito, stavi cercando. La pagina che volevi leggere esiste ed è solo nascosta, ma c’è il rischio che fra poco si sia costretti a cancellarla davvero”

Perchè sta succedendo questo? E’ una forma di sciopero nei confronti del comma 29 del Ddl intercettazioni, che prevede, tra l’altro, anche l’obbligo per tutti i siti web di pubblicare, entro 48 ore dalla richiesta e senza alcun commento, una rettifica su qualsiasi contenuto che il richiedente giudichi lesivo della propria immagine.

la valutazione della “lesività” verrebbe stabilita unicamente dal soggetto che si sente danneggiato. Quindi, chiunque si sentirà offeso da un contenuto presente su un blog e probabilmente, anche su Wikipedia, potrà, indipendentemente dalla veridicità del contenuto stesso e dalla presenza di fonti verificabili, chiedere l’applicazione del famigerato comma e quindi la “rettifica”, volta a contraddire e smentire detti contenuti.

Tutto questo alla faccia della libertà d’opinione e della libertà di stampa: SCANDALOSO!!

Sky ed i miracoli dello sport

skySicuramente in queste ultime settimane avrete visto in televisione alcuni  dei vostri campioni preferiti in situazioni quantomeno poco convenzionali: un Eto'o sospeso a mezz'aria in posizione plastica mentre sta per calciare un pallone, un Totti portato a spalla in forma di statua di santo, con tanto di sudore taumaturgico, oppure un Pirlo che batte una punizione talmente incredibile che i suoi nuovi tifosi juventini pagherebbero oro per vedergli battere in campo…o ancora Danilo Gallinari, Gerard Pique ( bellissima l'anziana signora che palleggia davanti a lui surprise ), Martin Castrogiovanni, Federica Pellegrini che riesce a riunire le acque (In questo periodo potrebbe riuscirle qualsiasi cosa…).

A vedere questi simpatici  spot sembrerebbe proprio che lo sport e gli sportivi si siano messi improvvisamente a fare miracoli!

Beh, in un certo senso, per chi è un abbonato Sky è proprio così:  con la pausa in diretta, l'alta definizione, il 3D, guardare lo sport in tv non è mai stato così bello

Io già da due anni sono abbonata a Sky e devo dire che ho ritrovato il piacere di guardare la televisione…infatti ho deciso di abbonarmi  a tutta l'offerta completa, non so a cosa potrei rinunciare: col pacchetto cinema vedo tutti i film in prima visione che voglio, col pacchetto musica ho potuto apprezzare un sacco di concerti dal vivo, che non avrei mai potuto vedere senza Sky, con il pacchetto calcio ho visto tutta la serie A come allo stadio, anzi meglio, perchè ho potuto seguire anche tutte le partite in corso, in diretta, in un sol colpo con le finestre interattive…

Alessio guarda i cartoni animati che preferisce, Luca i documentari più interessanti del momento, e la spesa è inferiore ad un gelato al giorno…

Devo dire la verità: sono proprio soddisfatta, e vi consiglio sinceramente di provare anche voi…se ancora non siete abbonati.

L'unico neo è la mia squadra del cuore sad che quest'anno è riuscita a farsi buttare in serie B…vero fratellini blucerchiati?

Però non mi abbatto e, aspettando di rivedere la Samp in serie A mi compro anche il pacchetto Serie B…e cosa devo fare? Non posso non vedere i miei ragazzi…

Comunque, io parlo soprattutto di calcio perchè è il mio sport preferito, ma ce n'è per tutti i gusti: I mondiali di nuoto, le olimpiadi, le paralimpiadi, il rugby, il tennis, il basket, e chi più ne ha più ne metta, tutto in diretta, in hd, ed in molti casi anche in 3D.

Non potete seguire un evento in diretta? E qual'è il problema? Con My Sky HD registri e guardi quando puoi…Ti telefonano mentre stai guardando il tuo telefilm preferito su Fox Crime? No problem, c'è la pausa in diretta e riprendi a vedere dal momento che hai interrotto.

Che dire? Beata me che sono abbonata Sky, con My Sky HD!

E voi credete ai miracoli?


Articolo sponsorizzato

Viral video by ebuzzing

I centri anti-violenza rischiano la chiusura

I tagli al sociale colpiscono le politiche contro la violenza di genere.

A rischio 18 milioni di euro di stanziamento.

I tagli al settore delle politiche sociali in Italia stanno facendo chiudere i battenti ai centri anti-violenza, le strutture sparse su tutto il territorio nazionale che da anni svolgono attività di sostegno a donne e minori vittime di ogni tipo di violenza. L’allarme è stato lanciato dall’Associazione nazione Donne in Rete contro la Violenza (D.I.Re), che gestisce 58 centri anti-violenza sulla penisola.

continua QUI

Coloriamo l'Italia di arancione, chiediamo le dimissioni del governo

Appello:

Noi, come semplici cittadini italiani consapevoli e responsabili, siamo convinti, a prescindere dai nostri orientamenti politici, che l’attuale governo non corrisponda più alla maggioranza degli elettori del nostro Paese.

Per questo riteniamo che esso debba rimettere quanto prima il suo mandato nelle mani del Presidente della Repubblica.

Per questo, unendoci alle voci ufficiali delle opposizioni, chiediamo a tutti i nostri concittadini che la pensano come noi di esprimersi attraverso un gesto simbolico ma eloquente.

Basterà indossare un nastrino arancione per significare:

Io desidero che il governo si dimetta ” o anche solo

Non condivido la politica del governo Berlusconi

un piccolo segnale allegro e democratico per continuare a colorare l’italia di arancione e di speranza.

Hanno già sottoscritto:

Wahid Abdu (gelataio)
Barbara Alberti (scrittrice)
Rosellina Archinto (editrice)
Giampaolo Azzoni (docente universitario)
Elena Bacinelli (albergatrice)
Marco Baldi (imprenditore)
Silvana Belli (stilista a riposo)
Maria Grazia Bevilacqua (insegnante elementare)
Franco Bomprezzi (consulente per la disabilita)
Lidia Bramani (musicologa)
Sandra Bonsanti (giornalista)
Alessandro Breccia (ricercatore precario)
Giovanna Bucco (artigiana commerciante)
Piero Campi (operaio)
Edda Canali (casalinga)
Nevio Canali (primario ospedaliero)
Eva Cantarella (grecista)
Massimo Carlotto (scrittore)
Francesca Castelbarco (restauratrice)
Nicola Catarazzuolo (dirigente cooperativa)
Ezio Cavagnini (artigiano)
Roberto Cavestri (medico)
Brunella Celli (editore)
Dorina Chiomma (ristoratrice)
Daria Colombo (scrittrice)
Alfio Consoli (pensionato)
Stefano Corradino (giornalista)
Giuliana De Sio (attrice)
Teresa De Sio (cantante folk)
Lucio Fabbri (musicista)
Alessandra Ferrari (ufficio stampa onlus)
Eugenio Finardi (cantautore)
Angela Finocchiaro (attrice)
Dario Fo (attore e drammaturgo)
Virgilio Gallo (conducente autobus)
Giorgio Gaslini (pianista compositore)
Massimo Ghini (attore)
Giulio Giorello (filosofo)
Umberto Guidoni (astronauta)
Alessandro Haber (attore)
Margherita Hack (astrofisica)
Angela La rosa (pittrice)
Olga Lecavillo (salumiera)
Gad Lerner (giornalista)
Carla Loda (avvocato)
Marida Lombardo Pijola (scrittrice)
Carlo Lucarelli (scrittore)
Daniela Lucchetta (insegnante scuola media)
Claudio Magris (scrittore)
Aurelio Mancuso (pubblicista)
Franz Mannino (architetto)
Fiorella Mannoia (cantante)Velia Mantegazza (regista)
Tinin Mantegazza (pittore)
Evaristo Marai (pensionato)
Dacia Maraini (scrittrice)
Neri Marcorè (attore)
Edda Martino (archeologa)
Gianfranco Mascia (blogger viola)
Giuliano Montaldo (regista)
Alessandra Mosca (liceale)
Silvio Muccino (attore)
Salvatore Natoli (filosofo)
Gabriele Neri (architetto)
Flavio Nosè (psichiatra)
Dalia Oggero (editor)
Mauro Orlando (insegnante pensionato)
Cinzia Pagliara (insegnante scuola media)
Antonio Pennacchi (scrittore)
Vera Pescarolo (produttrice cinematografica)
Daria Picardi (servizio civile)
Daniela Pistillo (biologa)
Massimo Pontini (imprenditore)
Gaia Rajneri (scrittrice)
Franca Rame (attrice)
Don Gino Rigoldi (prete)
David Riondino (attore)
Alfredo Rizzo (consulente finanziario)
Paolo Rossi (attore)
Pino Roveredo (scrittore)
Mauro Rutigliano (digital P.R.)
Giusi Sacco (infermiera)
Mino Salvadori (insegnante liceo)
Amanda Sandrelli (attrice)
Evelina Santangelo (scrittrice)
Giulio Scarpati (attore)
Daniele Silvestri (cantautore)
Ruggero Sintoni (operatore teatrale)
Chiara Soddu (pensionata)
Fiorenzo Sortani (gestore di bar)
Stipi Martina (mediatrice culturale)
Franco Tripodi (presidente coop. Edilizie)
Fabio Vacchi (musicista compositore)
Carla Vangelista (sceneggiatrice)
Lucia Vasini (attrice)
Salvatore Veca (filosofo)
Roberto Vecchioni (cantautore)
Antonello Venditti (cantautore)
Hamid Ziarati (scrittore)
Silvia Zingone (laureata disoccupata)

Per sottoscrivere:

appelloarancione@gmail.com

http://appelloarancione.blogspot.com/

Ingrao ricoverato d'urgenza

ROMA – Il 96enne storico leader della sinistra italiana, Pietro Ingrao è stato ricoverato stamane d’urgenza all’ospedale di Fondi per un improvviso malore. Pietro Ingrao è stato condotto all’ospedale San Giovanni di Dio di Fondi nel reparto diretto dal chirurgo Gianni Baiano. I medici lo hanno sottoposto ad una tac, il sospetto è che si sia trattato di una ischemia.

“Ha avuto una piccola ischemia – spiega Guido Ingrao (il figlio) – e adesso sta facendo degli accertamenti. L’esito dei primi controlli è rassicurante, ma, data l’età, 96 anni, è ricoverato. E’ cosciente e ci auguriamo che possa essere dimesso e tornare presto a casa”.

In bocca al lupo!

FONTE

Anche un'app per "curare l'omossesualità"

Ma certa gente non ha proprio niente altro da pensare che trovare un sistema per eliminare i gay dalla faccia dalla terra?

Mi sembra impossibile che si sprechi tanta energia e tanto “lavoro mentale” per trovare “una cura” per “individui che vogliono recuperare dall’omosessualità“.

Questo sarebbe l’intento di chi ha ideato un app gratuita immessa nell’Apple App Store dalla società Exodus International.

Per fortuna la Rete, che si compone anche di persone con un minimo di intelligenza ed apertura, si sta già ribellando ed è stata indetta una petizione che ha raccolto al momento 122mila firme per chiedere di rimuovere l’app omofoba.

Chi volesse aggiungersi alla lista delle firme può farlo QUI… (conto su di voi… )