Wikipedia.it in sciopero

wikipediaChi, in queste ore, ha provato ad accedere alla pagina della famosissima enciclopedia libera Wikipedia ha trovato una brutta sorpresa: al posto della classica home page si è trovato di fronte un comunicato che comincia con queste parole:

“Cara lettrice, caro lettore, in queste ore Wikipedia in lingua italiana rischia di non poter più continuare a fornire quel servizio che nel corso degli anni ti è stato utile e che adesso, come al solito, stavi cercando. La pagina che volevi leggere esiste ed è solo nascosta, ma c’è il rischio che fra poco si sia costretti a cancellarla davvero”

Perchè sta succedendo questo? E’ una forma di sciopero nei confronti del comma 29 del Ddl intercettazioni, che prevede, tra l’altro, anche l’obbligo per tutti i siti web di pubblicare, entro 48 ore dalla richiesta e senza alcun commento, una rettifica su qualsiasi contenuto che il richiedente giudichi lesivo della propria immagine.

la valutazione della “lesività” verrebbe stabilita unicamente dal soggetto che si sente danneggiato. Quindi, chiunque si sentirà offeso da un contenuto presente su un blog e probabilmente, anche su Wikipedia, potrà, indipendentemente dalla veridicità del contenuto stesso e dalla presenza di fonti verificabili, chiedere l’applicazione del famigerato comma e quindi la “rettifica”, volta a contraddire e smentire detti contenuti.

Tutto questo alla faccia della libertà d’opinione e della libertà di stampa: SCANDALOSO!!

Annunci

Affrontiamo la questione morale, magari dopo un'altro centinaio di cose…

Madonna-della-GuardiaParlando dal santuario della Madonna della Guardia sul monte Figogna a Genova, il cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente della Cei, lancia un appello al mondo della politica “affinchè affronti con urgenza la questione morale”.

Precisa, il cardinale, che “nessuno può negare l’impegno generoso e la rettitudine limpida di molti che operano nel mondo della pubblica amministrazione, dell’economia e della finanza a cui va rinnovata stima e fiducia”, ma resta per la Chiesa una questione morale in politica che deve essere risolta. Il presidente della Cei aggiunge con forza che “si tratta di intaccare consuetudini e interessi vetusti”, e conclude lanciando un imperativo forte: “Cambiare è possibile perché è la gente che lo chiede e perché è giusto”

Chissà perchè, ma io ho l’impressione che la gente chieda alla politica di occuparsi di tantissime altre cose.

Certo, se al governo ci fossero delle persone oneste, che fanno il loro dovere senza arricchirsi alle spalle dei cittadini, sarebbe meglio, ma visto che la cosa risulta essere alquanto difficile, ci si accontenterebbe di accettarli così come sono pur di ottenere qualche risultato utile.

“Lo Stato ha il compito grave di salvaguardare e di promuovere il bene primario della famiglia”, ha detto il cardinale Angelo Bagnasco. “Bisogna difendere la famiglia tradizionale contro chi vorrebbe renderla un soggetto ondivago, senza il sigillo oggettivo del matrimonio. I figli hanno diritto a qualunque sacrificio da parte dei genitori pur di tenere salda la coppia. Non è forse questo l’atto di amore e di educazione più grande di un padre e di una madre?”

Non credo Cardinale, forse questo è il compito della Chiesa, lo Stato dovrebbe riconoscere uguali diritti a tutte le coppie: sposate o non sposate che siano, e a tutti i figli: nati nel matrimonio o no…

I centri anti-violenza rischiano la chiusura

I tagli al sociale colpiscono le politiche contro la violenza di genere.

A rischio 18 milioni di euro di stanziamento.

I tagli al settore delle politiche sociali in Italia stanno facendo chiudere i battenti ai centri anti-violenza, le strutture sparse su tutto il territorio nazionale che da anni svolgono attività di sostegno a donne e minori vittime di ogni tipo di violenza. L’allarme è stato lanciato dall’Associazione nazione Donne in Rete contro la Violenza (D.I.Re), che gestisce 58 centri anti-violenza sulla penisola.

continua QUI

Questi qua……

– Questi qua il 13 aprile hanno votato l’impunità per il loro capo facendoci credere di averlo fatto per il bene di noi cittadini.

noi ci becchiamo un’ipoteca sulla casa per una multa non pagata.

 

– Questi qua hanno la pensione garantita di 3.100 euro al mese lavorando 5 anni.

noi lavoreremo fino ai 65 anni per avere una pensione forse pari a metà dello stipendio.

 

– Questi qua beneficiano gratis di aereo, treno, autostrada, cinema, ristoranti, ecc.

noi paghiamo anche la carta igienica dei figli a scuola.

 

– Questi qua hanno la casa in affitto in centro a Roma a 500 € al mese.

noi abbiamo un mutuo fino alla terza età.

 

Il 12 e il 13 giugno pensate di andare al mare?

 

Fate girare questo messaggio!!!!

 

 

Lei alle, noi "in" Bermuda

Mentre in Italia è lotta aperta tra finiani e Pdl, Cossiga è in procinto di dare qualche spiegazione alle vittime di Ustica, un piccolo terremoto non disturba le vacanze dei vip presenti alle Eolie, deragliano treni, continuano a morire di fame e di sete milioni di bambini al mondo, fabbriche chiudono, lavoratori vanno in cassa integrazione o vengono licenziati…e mi fermo qui, ma potrei continuare per ore…

Io sono riuscita a perdermi il numero di “Chi” che ci racconta le 3 settimane di Marina Berlusconi alle Bermuda nella villa di papino, dove si è cimentata addirittura in una lap dance con una scopa ed ha mostrato un topless davvero invidiabile per una 44enne!

Sono davvero imperdonabile! Per fortuna ho recuperato leggendo qualcosa su “il corriere.it” !

 

Rissa in aula

camera deputati…Continuiamo ad essere rappresentati da gentaglia di questo genere…e poi ci chiediamo come mai la violenza impera nelle scuole, per le strade, negli stadi…Come potrebbe essere altrimenti, se chi dovrebbe essere d’esempio a tutti i cittadini si comporta in modo così incivile e per di più alla Camera…

Sono sempre più convinta che nessuno dei partiti presenti in questo momento sia degno di un mio voto…riesco a salvare si e no 5 o 6 persone e neanche tutte nello stesso partito…come siamo messi male!

Ecco il regalo per la festa del papà…

…La norma che impedisce di registrare i propri neonati alle coppie di cladestini.

In base ad un comma dell´articolo 45, senza la presentazione del permesso di soggiorno i bambini non potranno essere registrati all´anagrafe. L´effetto sarebbe il moltiplicarsi di un esercito di bambini “invisibili”, con genitori che non esistono e nessuna possibilità di essere curati. In più, il rischio del moltiplicarsi dei parti clandestini.
(la Repubblica, giovedì, 12 marzo 2009)

AUGURI A TUTTI I PAPA’ (registrati e non)

 

Che siate credenti o no urge farsi sentire

Su invito dell’amica Daniela, contribuisco a diffondere un’iniziativa che mi sembra molto importante.

Che siate credenti oppure no, vi invito a leggere le righe che seguono (Daniela mi perdonerà se copio e incollo anche la sua prefazione) ed a firmare l’appello.

Coraggio, o cattolici

Williamson…e così il povero Ratzinger ignorava, prima di riammetterlo nel seno della Chiesa senza alcun pentimento, le posizioni antisemite del vescovo Williamson (foto a sinistra). Che adesso, da bravo, è stato richiamato all’ordine: deve pubblicamente sconfessare le sue dichiarazioni sulle camere a gas, e riconoscere l’esistenza della Shoah!

Giova forse ricordare che Williamson non è un monello bizzoso, ma un uomo di 62 anni molto determinato (lui e i suoi compari, adesso, saranno costretti a una tardiva e menzognera ritrattazione, e dovranno rimangiarsi formalmente ciò che… in segreto continuano a pensare. Sono stati perdonati, non lo si dimentichi mai). E poi, accidempoli: i negazionisti sanno benissimo che i campi di sterminio, e relative torture, sono esistiti. Li negano non già perché li reputino invenzioni, ma proprio per il contrario: per essi, il “lavoro” non è ancora terminato.

E Benedetto XVI, santa ingenuità, era all’oscuro di tutto.

Era all’oscuro anche dei “pareri” di Abrahamowicz, per cui le camere a gas servivano per disinfettare; delle bizzarre idee di don Pagliarani che, non essendo “storico”, non si occupa di Shoah; di mons. Fellay, che si aspetta la pronta riabilitazione del primo antisemita del secondo dopoguerra: il fondatore della loro fraternità, sua eccellenza mons. Marcel Lefebvre.

Il Vaticano ha poi replicato protervamente ad Angela Merkel la quale, a differenza del nostro Presidente del Coniglio e sèguito parlamentare (di destra e di pseudo-sinistra), ha sollecitato Ratzinger in persona a chiarire la sua posizione sull’Olocausto. Tuttavia, lo schiaffo è stato forte. Abituati alla prosternata acquiescenza degli italici politicanti, i ratzingeriani si erano illusi sul momento favorevole, e speravano alfine di concludere la riscossa integralista cancellando de facto il Vaticano II. Non è stato così, e non finiremo mai di ringraziare la cancelliera tedesca per aver ricordato che esiste ancora un briciolo di dignità umana da difendere a tutti i costi.

Nemmeno il genuflesso “Famiglia Cristiana” riesce a nascondere il suo disagio. Naturalmente difende d’ufficio Ratzinger asserendo che è stato travisato, e se la prende coi soli vescovi eretici. Ma le cose stanno diversamente.

Lo spiega in maniera dettagliata don Paolo Farinella, di cui pubblico qui sotto l’appello che invito a leggere e a sottoscrivere (l’ho comunque inserito anche tra i miei link). Sperando si possa ancora far sentire la propria voce, certi che, in ogni caso… non prevalebunt.

 

A TUTTI GLI AMICI E AMICHE, CREDENTI E NON CREDENTI

Al seguente link di Arcoiris : http://appelli.arcoiris.tv/vaticanosecondo/

ho pubblicato un appello-dichiarazione sull’abolizione della scomunica e sul vescovo negazionista e in difesa del Concilio ecumenico Vaticano II. E’ un testo personale che non ho concordato con alcuno, per cui la responsabilità è solo mia, con tanto di firma in calce. Il testo è breve, ma fermo e determinato.

Chi lo condivide può firmarlo; chi non lo condivide non lo firmi; chi ne condivide una parte, decida cosa è prevalente: se la perfezione o l’emergenza chiesa che stiamo vivendo. Nessuno è obbligato.

Il “Giardino dei Giusti delle Nazioni”, presso il Museo Yad Vashem (Gerusalemme). Vi riposa, fra le altre, la salma di Oskar Schindler.

Non volevo tacere perché non è possibile tacere. Il tacere sembra una caratteristica cattolica, quasi un ottavo sacramento. La Germania ha cominciato, la Francia sta seguendo, anche in Italia comincia sentirsi qualche voce e anche noi possiamo e dobbiamo fare sentire la nostra contro ogni rassegnazione e autoritarismo.

PREGO CORTESEMENTE CHI VOLESSE DIVULGARE L’APPELLO E IL LINK
a quante più persone è possibile affinché la testimonianza possa essere corale.

A tutte e a tutti un abbraccio caloroso, conciliare, postconciliare, antirazzista

Paolo Farinella, prete – Genova

 

Un vero affronto!

obama-telefona.png

 

Si è dimenticato Silvio!

Ma tanto il nostro caro Presidente è ottimista, sa che se non gli ha telefonato oggi, gli telefonerà  sicuramente domani: è così giovane, carino e abbronzato che gli ricorda com’era lui quando è sceso in campo per salvare l’Italia, non può fare uno sbaglio simile…è solo una dimenticanza…sicuro!

 

Vaffanculo d'oro 2008

Tisbe del blog “Il vaso di Pandora” ha lanciato il concorso “vaffanculo d’oro” per eleggere il peggior ministro del governo Berlusconi.

Io trovo l’idea molto divertente e in un certo senso “liberatoria”, per cui vi invito a fare QUI le vostre nomination e, una volta individuati i candidati, a votare per incoronare il vincitore.

Le mie nomination sono:

  • Gelmini
  • Brunetta
  • Tremonti

 

Queste le regole del concorso:

* Il primo passo sono le nomination

Lasciate un commento in questo post su chi volete candidare. E’ possibile nominare fino a 3 ministri diversi. Accederanno alla fase finale i 10 candidati che avranno ricevuto il maggior numero di nomination.

Possono lasciare le loro candidature gli utenti che hanno un blog creato da almeno una settimana e dimostrino nel loro spazio che il commento appartiene a loro ad esempio scrivendo in un post “ho candidato … … … al vaffanculo d’oro 2008.
Chi è registrato al blog “Il vaso di Pandora” ed ha un blog correlato all’ account non avrà  bisogno di questa verifica e potrà  anche non parlarne sul suo blog.

A nomination concluse, verrà  creato un nuovo post con le modalità  di votazione per i 10 peggior ministri che avranno raggiunto la fase finale; essi si sfideranno per il V d’oro. Secondo e terzo classificato si aggiudicheranno l’ambito podio di questa prestigiosa competizione e figureranno assieme al vincitore nel banner che verrà  creato ad evento concluso.

Partecipate in maniera massiccia 😉

Ps: chi volesse rilanciare l’iniziativa può riportarla nel suo blog linkando al post originale e taggando “vaffanculo d’oro”.