W il 25 aprile!

“E’ giunta l’ora della libertà – dice il proclama del CNL – Qualsiasi resistenza sia ancora opposta dai nazifascisti deve essere stroncata con estrema energia.
Popolo genovese insorgi!”
Il popolo è nelle strade. Uomini, donne, ragazzi si battono con qualsiasi arma, nelle vie, dai tetti, dalle finestre delle case.
Una pioggia di oggetti d’ogni genere cade sul nemico ormai senza riparo; ogni angolo di strada è una trincea, ogni vicolo cela un agguato.

Genova 24 aprile 1945

Annunci

Ciao mamma

La madre
Giuseppe Ungaretti (1929)

E il cuore quando d’un ultimo battito
avrà fatto cadere il muro d’ombra
per condurmi, Madre, sino al Signore,
come una volta mi darai la mano.

In ginocchio, decisa,
Sarai una statua davanti all’eterno,
come già ti vedeva
quando eri ancora in vita.

Alzerai tremante le vecchie braccia,
come quando spirasti
dicendo: Mio Dio, eccomi.

E solo quando m’avrà perdonato,
ti verrà desiderio di guardarmi.

Ricorderai d’avermi atteso tanto,
e avrai negli occhi un rapido sospiro.

Credevate…

Che avessi mollato baracca e burattini e fossi scappata a vendere cocco su qualche spiaggia tropicale, eh?

Devo dire la verità: in questo periodo ci ho pensato seriamente più di una volta, ma purtroppo ci sono situazioni piuttosto “pesanti” che mi legano a questi luoghi, situazioni che devono essere affrontate e possibilmente risolte nel miglior modo possibile (anche se doloroso), non si possono evitare, cancellare, eludere, perchè ogni giorno mi accompagnano dal sorgere del sole al calare della notte.

Come avrete capito il periodo “no” si sta rivelando più lungo di quanto sperato e man mano si arricchisce sempre più di nuovi risvolti, di nuovi particolari, di nuove ansie, e, nonostante io sia stata sempre il punto di riferimento, la più forte della famiglia, colei alla quale ci si poteva rivolgere nei momenti difficili per trovare insieme una soluzione, comincio a cedere allo sconforto e ogni giorno che passa è sempre più difficile trovare la forza di vedere il lato positivo delle cose.

Tutto questo influisce anche sul mio tempo libero e di conseguenza sulla vita di questo blog…

Che dire? Spero tanto di riuscire a tornare attiva al più presto, perchè vorrebbe dire che sarei tornata ad essere un po’ più serena e vogliosa di far sentire la mia voce…

Auguro a tutti una serena Pasqua (senza agnello) e vi abbraccio.

A presto

pasqua

Blog a impatto zero

co2neutralSul blog Sdreng ho scoperto un’iniziativa davvero lodevole lanciata da “Dove Conviene“, un sito che si occupa di distribuire in formato digitale i vari volantini di promozione e sconti di numerosissime aziende e di renderli disponibili online, in maniera gratuita e consultabili sia su pc che su smartphones iPhone e Android, attraverso una comoda applicazione.

L’iniziativa in questione si chiama “il mio blog è CO2 neutral” ed il suo funzionamento è molto semplice: il blogger dichiara la sua disponibilità ad abbattere l’impronta ecologica del proprio sito e DoveConviene.it, in collaborazione con iplantatree.org, provvederà a piantare un albero in zone soggette a processi di riforestazione.

Già questo è un modo efficace per ridurre lo spreco di carta in quanto vengono utilizzate 500.000 tonnellate di carta ogni anno solo per la la stampa di volantini e digitalizzarli può in parte ridurre questa enormità.

In questo periodo Dove Conviene, che collabora con iplantatree.org, desidera coinvolgere noi blogger,  e per ogni post pubblicato pianterà un nuovo albero.

Il Dr. Alexander Wissner-Gross, attivista ambientale e fisico di Harvard, afferma che un sito web produce una media di circa 0,02 g di CO2 per ogni visita.
Assumendo 15.000 pagine visite al mese, questo si traduce in 3,6 kg di CO2 l’anno. Questa produzione è legata soprattutto al funzionamento dei server.
La Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) calcola che un albero assorba ogni anno in media circa 10kg di CO2. Noi consideriamo prudentemente 5kg l’anno per ogni albero.

Credo che a noi costi poco e che il nostro pianeta non possa che averne beneficio, per cui il mio blog diventerà “carbon neutral” semplicemente grazie alla pubblicazione di questo post.

Spero che mi aiuterete a diffondere la notizia, e soprattutto che partecipiate in molti seguendo le istruzioni a quest’indirizzo.

Chi vuole approfondire nel dettaglio l’iniziativa può visitare il seguente indirizzo:
http://www.iplantatree.org/project/7

Enel premia i blogger

Se nei pacchetti di Natale non avete trovato quello che desideravate, ed il vostro desiderio era un I Pad 2 con Wi Fi 3G 32 Gb, non preoccupatevi: avete ancora una possibilità di venire accontentati.

Come? E’ molto semplice: basta partecipare al concorso indetto da Enel “Enel Blogger Award 2012“.

Lo scopo di questo concorso è quello di promuovere lo sviluppo della cultura e la crescita professionale nel settore multimediale.

Le iscrizioni sono incominciate da poco tempo e se vi sbrigate ( avete tempo fino al 17 gennaio) potrete partecipare anche voi, basta che siate maggiorenni, autori di un blog che tratti di ambientefinanzaattualità o lifestyle che sia attivo da almeno sei mesi e aggiornato almeno con un articolo alla settimana.

Per partecipare occorre registrarsi sul sito dell’iniziativa a questo indirizzo: http://www.enelbloggeraward.com/ compilando un form online dove il blogger interessato deve indicare quello che ritiene il suo post più rappresentativo e più bello della propria categoria di appartenenza.

Ovviamente la registrazione è gratuita e da diritto ad un kit promozionale composto da banner collegati direttamente alla propria pagina di votazione.

La fase della votazione durerà fino al 18 marzo e durante tutto il periodo sarà possibile consultare sul sito le varie classifiche.

Ogni primo classificato di categoria verrà premiato durante una cerimonia ufficiale, che si svolgerà nell’auditorium Enel, con un  iPad 3G, e avrà la possibilità di vedere pubblicato il proprio post sui vari siti istituzionali Enel.

Tentare non nuoce, quindi se credete di far parte del target indicato e avete voglia di provare a vincere iscrivetevi subito!

Intanto io vi segnalo i blog che mi piacerebbe si iscrivessero e che voterei volentieri:

Mi sembra di avervi detto tutto quello che c’è da sapere, ma se avessi dimenticato qualcosa potrete leggere ogni informazione sul regolamento del concorso QUI.

In bocca al lupo!

Articolo sponsorizzato

Il mio prossimo "strappo"

Non c’è niente da fare, probabilmente devo avere qualche gene tarato male, visto che sono perennemente a dieta e non faccio altro che pensare a cosa posso preparami di buono…o forse è normale, non so…

Comunque la mia brama di cibo (soprattutto di dolci) mi porta spesso in giro per la rete a cercare ricette abbastanza leggere da consentirmi un piccolo strappo ogni tanto.

Oggi ho trovato una torta al grano saraceno postata tempo fa sul sito Dietaland, diciamoci la verità: non è propriamente un alimento da inserire in una dieta dimagrante ferrea, ma non si può rinunciare sempre a tutto!

Quello che mi ha colpito è, oltre alle calorie per fetta che non sono altissime (circa 290 Kcal) è che ha un buon potere saziante, è ricca di fibre, minerali, come fosforo, potassio, magnesio zinco, manganese e ferro (che per un’anemica incallita come me non fa mai male) e vitamine del gruppo B ed E.

Se non altro mi farà bene alla pelle e a ripristinare un po’ i valori ematici di ferro…tutte le scuse sono buone per uno strappo 🙂

Ah, dimenticavo: questo dolce è adatto per i celiaci e per gli intolleranti al grano, poiché priva di glutine.

Vi posto la ricetta prima di provarla, spero di non sbagliare, ma in genere nei dolci ci azzecco…vi farò sapere quando la farò:

torta grano saraceno Ingredienti per 8-10 persone

200 g di farina di grano saraceno; 150 g di burro;
70 g di fecola di patate;
1 bustina di lievito;
2 tuorli d’uovo e 3 albumi;
1 bustina di vanillina;
80 g di fruttosio

Preparazione

Lavorate a crema il burro con 40 g di fruttosio. Mescolate la farina di grano saraceno con la fecola, la vanillina, il lievito e setacciate con il mix. Unite un tuorlo alla vota alla crema di burro e lavorate a lungo.

Amalgamate il mix alla crema. Montate a neve gli albumi, aggiungete poco alla volta il fruttosio rimasto e unite al composto. Lasciate cuocere in uno stampo imburrato a 180°C per 45 minuti.

Telethon:da vent'anni contro le malattie genetiche

telethonGrazie ad una gestione trasparente dei fondi e a un meccanismo di finanziamento che premia solo il merito, Telethon è riconosciuto nel mondo come un esempio di eccellenza italiana. Un attestato che deriva soprattutto dai risultati raggiunti in questi anni.

Tra tutti si ricorda il successo raggiunto con l’individuazione di una cura definitiva per l’Ada-Scid, malattia che costringeva i bambini che ne erano affetti a vivere dentro una bolla sterile (da qui il termine “bambini bolla”). A oggi sono quattordici i bambini curati da questa gravissima immunodeficienza, mentre sono positivi anche i risultati di un intervento di terapia genica per la cura di una forma di cecità, l’amaurosi congenita di Le ber.

Nel 2010, infine, sono iniziate le sperimentazioni cliniche sulla leucodistrofia metacromatica, una malattia neurodegenerativa e sulla sindrome di Wiskott?Aldrich, una grave immunodeficienza: i trial coinvolgeranno quattordici bambini in tre anni e, se avranno il risultato sperato, altre due terribili malattie saranno definitivamente sconfitte.

“Perché nascere con una malattia genetica non sia più una condanna” occorre essere uniti e dare tutto il nostro aiuto alla ricerca…facciamo qualcosa di buono, potrebbe servire anche a noi…

Fanpage: http://www.facebook.com/Telethon.Italia

Il sito: http://www.telethon.it/

Prescrizione dopo 5 anni se si superano i 65…

Ovviamente non per tutti i reati, ma, tanto per dirne uno, quello di corruzione si, sempre a patto che il soggetto in questione risulti incensurato…

Questo dice, tra molte altre chicche, il disegno di legge sulla prescrizione breve.

Chissà perchè questa cosa mi fa venire in mente qualcuno…

Questo è l’interessante articolo da cui ho tratto la notizia.

Se non sapessi che questo governo non fa assolutamente leggi ad personam, penserei quasi che questa bella leggina, il nostro Presidente se l’è confezionata su misura…

 

Malattia ma si può curare???!!

Ci risiamo: leggete che sequela di assurdità che escono dalle bocche dei Ministri di Dio

Il monsignor Paolo Rigon inaugura l’anno giudiziario lanciando dure invettive nei confronti del mondo omosessuale.

Nel suo discorso, cita, in una sorta di classifica delle ragioni per cui i matrimoni cadono a pezzi, proprio l’omosessualità.

Quella mascherata, s’intende, perché c’è anche un tipo di “omosessualità incancrenita non superabile”.

Una serie di nozioni quasi scientifiche, di cui il cardinale ha fornito dettagli minuziosi: “Non si nasce omosessuali”.

La nascita dell’omosessuale è rarissima, nel senso di disfunzione ormonale o fisica. Quindi, dal momento che l’omosessualità è indotta, bisogna prenderla dall’inizio, perché così si può superare, attraverso la psicoterapia. Un’omosessualità incancrenita non è superabile, non c’è matrimonio che possa aiutare questa persona. E’ chiaro che un omosessuale non potrà essere fedele alla moglie o al marito”

VI CONSIGLIO DI CONTINUARE QUI

 

 

…E L’OMOFOBIA RIUSCIREMO MAI A GUARIRLA???